Archivio mensile:settembre 2010

How to cure the chaos (troubling your social media initiatives)

Marc Engelsman - Michelle BrusyoLet’s start with a quote from the Web2.0 Expo web site:

“Your marketing department has set up a Facebook page. Your human resources department is thinking about using social media as a recruiting tool. Your sales department isn’t quite sure how social media can deliver qualified sales leads. Your employees are tweeting away about what they’re doing all day at work. Your IT deparment is worried about the threat of viruses and malware. Your customer service department is overwhelmed by the amount of content out there that needs monitoring.

Sounds like chaos.”

And it definitely is. That’s why I asked Mark Engelsman and Michelle Brusyo (both working for Digital Brand Expressions) if and how companies can take control of the revolution in corporate communication they are facing today and, eventually, benefit from it.

“The way to cure the Caos, instead of having people working into silos, is to bring them together and build a plan that involves everybody, has everybody talking the same language, understanding that there are the same goals to be met, and then implementing against those goals strategies and tactics that are developed as part of a plan”.

To da the magic, the people at Digital Brand Expressions people created a five step “social media parachute process”. All the details in the podcast interview below.

[display_podcast]

Background

- Marc Engelsman

Digital Brand Expressions
Marc Engelsman’s multi-disciplinary marketing background – 25 years in marketing/advertising across a wide range of B-to-B, consumer and healthcare/pharmaceutical accounts – has translated well into “findability” success as he integrates offline and online strategies for DBE’s clients. He is active in the Search Engine Marketing Professionals Organization (SEMPO) and serves on the national board of the Marketing Executive Networking Group (MENG).

He has spoken at some of the search industry’s largest conferences in addition to presentations to numerous other marketing groups.

- Michelle Brusyo

Digital Brand Expressions
After several years in traditional marketing and PR, Michelle Brusyo dove into the world of search and social media marketing, joining the award-winning team at Digital Brand Expressions in 2006. As Group Manager of Marketing & Communications, Michelle often speaks and writes about social media and is particularly passionate about her agency’s idea that social media works best when implemented enterprise wide, from the top down. She enjoys the process of guiding large companies through the various stages of DBE’s 5-phase social media adoption process, from brand protection through to creative ongoing communications strategies.

(Via)

La Tv fa Blip – Intervista con Dina Kaplan

Su L’Espresso di domani, sezione “Tecnologia”:

La Tv fa Blip

Un tizio con una telecamera puntata in faccia parla di cinema e di cultura pop degli anni ’80. Le sue recensioni cinematografiche sono intelligenti, irriverenti e spesso scurrili, mentre la qualità della ripresa ricorda ad ogni istante che tutto è realizzato in modo molto amatoriale, o comunque con mezzi economici e alla portata di tutti.

Il “programma” si chiama Nostalgia Critic ed è solo uno dei 17 web show prodotti dalla Channel Awesome di Chicago. Secondo le ultime rilevazioni, viene seguito da oltre 600 mila spettatori a settimana raggiunti grazie a Blip.tv, aggregatore online che fornisce servizi per la pubblicazione, la promozione, l’advertising e la distribuzione di web show creati da video maker indipendenti. «Il nostro è il primo network televisivo veramente democratico», spiega Dina Kaplan, già co-fondatrice della startup newyorkese e oggi responsabile di marketing, pubbliche relazioni, finanza, partnership e risorse umane. E aggiunge: «Siamo una piattaforma per la condivisione e distribuzione di contenuti video che libera sia i “producer” sia la loro audience dalle costrizioni imposte dai media tradizionali».

Affascinante. Ma come avviene il miracolo?

La risposta la trovate domani in edicola : )

I commenti sono come sempre benvenuti.

Elspeth Rountree explains what a meme is

Elspeth_rountree_alessio_jaconaIt’s the end of september and the Web2.0 Expo 2010 is taking place in a rainy New York city. I had the chance to chat with Elspeth Rountree, who is senior producer, host, and co-creator of both Rocketboom Tech and Know Your Meme series.

In a four minute interview she brilliantly explains what memes are and how they “have gone from inside joke to marketing gimmick to worldwide cultural phenomena”.

enjoy

[display_podcast]

Foto: Luca Sartoni (original version here)

Zero follower on Twitter

UPDATE: il problema sembra essere stato risolto e Oprah ha recuperato i suoi  4,329,768 follower.

Qualcosa non va in casa Twitter: indipendentemente dal numero di follower e following registrati dal vostro account, ora dovreste trovare un bello zero per entrambi i parametri.

Se può consolarvi, succede anche a Oprah.

Foursquare e i “check-in furbetti”, la posizione ufficiale del co-fondatore Selvadurai

Foursquare è la mania del momento. Improvvisamente il bisogno difendere la propria privacy da occhi indiscreti pare passato del tutto in secondo piano, schiacciato dalla necessità impellente di usare servizi di geolocalizzazione per dire ai propri contatti “io sono qui” e, spesso, aggiungere anche dettagliate informazioni su cosa si stia facendo.

Lunedì scorso sono stato all’ambasciata statunitense di Roma, dove ho avuto il piacere di incontrare e intervistare il co-fondatore di Foursquare Naveen Selvadurai, in visita in Italia per partecipare ad alcuni eventi tra cui anche un incontro organizzato da Telecom Italia – Working capital.

Prima di scrivere un pezzo più articolato dove trattare tutti gli argomenti toccati nell’intervista, vale la pena soffermarsi brevemente su un aspetto assai discusso in queste ore:

Secondo molti, infatti, Foursquare consentirebbe troppo facilmente agli utenti di “barare” mentendo sulla propria posizione, esercitando di fatto controlli molto meno fiscali di altri servizi concorrenti. Non solo: i più smaliziati avanzano addirittura l’ipotesi che proprio a questa “tolleranza” si debba parte del successo stratosferico ottenuto dal servizio, il quale in 18 mesi ha raggiunto quota 3,5 milioni di utenti a livello globale.

Impossibile quindi non togliersi lo sfizio di chiedere lumi a riguardo direttamente a Selvadurai, quindi aspetto prudentemente che finisca l’intervista e poi vado giù secco:

«Alcuni maligni sostengono che parte del vostro successo dipende anche dalla facilità con cui si può barare nei check-in».

Naveen ci pensa su un attimo e risponde:

«Noi lasciamo che gli utenti facciano check-in dove vogliono perché crediamo ci sia un contratto sociale che impedisce loro di mentire sulla propria posizione. Se tu non sei nel posto dove dici di essere, la verità è che stai mentendo ai tuoi amici, che nell’informazione che stai condividendo non c’è nessun valore per loro. E’ come uno status update su Twitter – aggiunge – se dici che sei a Milano e invece sei a Roma è stai semplicemente raccontando una bugia». E le bugie non si dicono.

Il ragionamento è chiaro: a Foursquare si fidano dei loro utenti e fanno appello al loro codice etico per un uso appropriato e moralmente corretto della piattaforma. Se poi essere di manica un po’ più larga ha in qualche modo contribuito al loro successo – aggiungo io – allora tanto meglio, ma è solo un effetto collaterale. L’importante è che a Foursquare credono nell’onestà dei propri utenti.

O quasi. Spesso infatti fare un check-in “furbetto” significa vedersi sbeffeggiare dall’app di Foursquare mentre ci dice che il nostro telefono “pensa” (esatto, “pensa”) che noi siamo un po’ troppo lontani dal posto in cui pretendiamo di essere. In tal caso si può anche andare avanti nella procedura, però il sistema non concede né punti né badge.

«Riguardo a questo – spiega Naveen – ciò avviene perché abbiamo avuto alcuni problemi con persone che baravano dicendo di essere in luogo specifico per ottenere premi o badge. Quindi abbiamo fatto in modo che, se la rilevazione del GPS non è abbastanza accurata nel fornire la posizione, in pratica consigliamo di rifare check-in più avanti».

Chiaro e anche condivisibile.

Ma non si era detto che ci fidiamo? ; )

Risorse:

Interessante la discussione stimolata qui da Massimo Cavazzini, che ieri ha posto a Selvadurai la stessa domanda.