McPuddu’s, McDonald’s e la neo-lingua

Colpirne uno per educarne cento. Si può riassumere così, senza fare tanti giri di parole, l’azione legale messa in piedi dal gigante McDonald’s contro il microscopico fast food sardo McPuddu’s per impedirgli di usare il prefisso “Mc”.

Due negozi e un pugno di dipendenti, da tre anni la “minaccia” McPuddu’s operava e tramava ai danni dell’ignaro e indifeso colosso americano, ben nascosta nella piccola cittadina di Santa Maria Navarrese, comune di Baunei, provincia di Nuoro, Sardegna.

Trovandomi a due passi da lì, ho fatto un salto a Santa Maria per vedere da vicino e toccare con mano il panino della discordia. Così ho potuto verificare che di hamburger ce ne sono ben pochi, peraltro di ottima e fresca carne locale, macellata da animali cresciuti allo stato brado. C’era invece parecchio da assaggiare di tutti gli altri prodotti locali, come ad esempio i famosi culurgiones (una specie di ravioli), vanto e orgoglio della gente d’Ogliastra.

Al mio arrivo trovo ad accogliermi una signora gentile che capisce subito perché sono lì (ho la macchina fotografica in mano). Ha l’aria divertita di chi ancora non sa spiegarsi il perché di tanto rumore, ma al contempo si dimostra abbastanza smaliziata da capire che l’intera faccenda ha generato un’ottima pubblicità per la loro attività.

mcpuddu's negozio

Come sappiamo, ha ragione: dopo aver ricevuto la lettera dagli avvocati della McDonald’s, McPuddu’s sta finendo su tutti i giornali nazionali. E non mi stupirei se l’anno prossimo dovessi trovare fuori dal negozio del signor Ivan Puddu (questo il nome del proprietario) una fila di turisti americani venuti ad Arbatax anche per mangiare nel “fast food che ha spaventato McDonald’s”.

Mi guardo intorno: mi appare subito chiaro che Ivan Puddu è un talento naturale della comunicazione, oltre che un imprenditore con delle buone idee in tasca. Intanto ha aperto un fast food di prodotti sardi, tutti rigorosamente basati su ingredienti e materie prime locali. Poi è stato abbastanza furbo da mettere il prefisso “Mc” davanti al proprio nome. Perché diciamocelo pure, di tutta questa storia abbastanza grottesca, l’elemento che emerge con forza è che il richiamo al marchio della multi-nazione non può certo essere casuale. Ironico, funzionale, astuto. Ma non casuale.

L’ulteriore prova del suo talento come comunicatore e venditore viene poi dal fatto che, in piena ottemperanza alla richiesta della McDonald’s, Puddu ha provveduto a eliminare il prefisso incriminato ovunque esso apparisse nei suoi negozi: nell’insegna, sui menù, nelle pubblicità.

La cosa interessante è il come, e cioè ricoprendo il prefisso “Mc” con la scritta “Censored”. E aggiungendo un “De” davanti al suo cognome.

mcpuddu's insegna

Le foto che ho scattato la dicono tutta: obbedendo agli ordini, Puddu ha di fatto messo in ridicolo i suoi avversari, lasciato una traccia che mantenga memoria dell’accaduto, fatto ridere tutti i suoi concittadini e si è garantito anche di poter parlare dell’accaduto con vecchi e nuovi clienti incuriositi dalla scritta ancora per un bel po’.

E mentre Puddu continua a lavorare godendosi tanta pubblicità gratuita per il suo fast food e la sua gelateria-frapperia (che si chiama McFruttu’s dal cognome della madre, anch’essa puntualmente “Censored”), per noi viene il momento di chiedersi fin dove le aziende abbiano diritto di spingersi nel registrare parole, opzionare termini, pretendere il controllo di prefissi e suffissi, accampando diritti solo perché essi fanno in qualche modo parte della loro ragione sociale.

mcfruttu insegna

So cosa state pensando: McDonald’s non è un brand qualsiasi. E’ IL FAST FOOD per eccellenza. L’associazione tra questo marchio e l’hamburger è cosa comune, accettata, radicata nel nostro immaginario. Decenni di comunicazione e marketing hanno reso il legame tra questo marchio e l’attività commerciale in sé è talmente profondo che l’iniziativa di Puddu può in effetti essere giudicata sulla carta “scorretta”. Salvo poi avere la decenza di valutare con obiettività le reali dimensioni della minaccia e, magari, sorvolare invece di sparare sul microbo e tirarsi dietro il lo scherono (o peggio il biasimo) dell’opinione pubblica.

Tuttavia bisogna anche mettersi nei panni del management americano: in fondo può bastare anche un unico precedente di successo in un’oscuro paese della Sardegna per iniziare ad avere problemi seri. Quella sarda avrebbe infatti potuto essere la prima di una miriade di iniziative simili: meglio quindi agire subito, educando quanti più “Puddu” in giro per il mondo sia possibile.

Resta il fatto che di casi come questo se ne verificano a decine. Alcuni realmente paradossali come il confronto in corso tra Skype e News Corp: oggetto del contendere è – credetemi, non è uno scherzo – la parola “Sky”, ovvero “cielo”, con Rupert Murdoch convinto che gli appartenga di diritto (in quanto nome della sua tv via satellite) e quindi deciso a riprenderne il controllo quanto prima.

Roba da matti.

Volendo scherzarci su, si potrebbe immaginare che di questo passo un giorno non troppo lontano non potremo più usare decine di parole già parte del nostro lessico quotidiano, e questo solo perché esse saranno estirpate a forza dal nostro vocabolario e messe in cassaforte da avvocati armati di trademark e lettere minatorie.

A quel punto, per comunicare tra noi non resterà che fare ricorso alla neo-lingua, assistendo impotenti al progressivo assottigliarsi dei nostri dizionari dettato non da pur discutibili ragioni politiche, ma peggio ancora da squallidi interessi commerciali.

Nota: questo post è stato reso possibile dalla provvidenziale segnalazione di Matteo e Carola Stagi.

4 pensieri su “McPuddu’s, McDonald’s e la neo-lingua

  1. claudio

    Anche a rivoli (Torino) un ristoratore aveva aperto un a agrihamburgheria chiamata “MAC BUN” ( che in dialetto piemontese vuol dire “SOLO BUONO” ed è un modo di dire molto comune in piemonte – ES:
    DOMANDA:Coma a l’è col polast arostì? (Come è quel pollo arrosto?)
    RISPOSTA: Oh, a l’è mac bun! ( Oh, è solo buono – traduzione letterale) (si può solo dire che è buonissimo – traduzione esatta del significato)
    Anche per loro c’è stata la mannaia di Mc Donald ( che però gli ha dato un sacco di pubblicità ) ed hanno cambiato in M** BUN ( i due steristi stanno a significare la censura) Questa agrihamburgheria ha la caratteristica di essere un fast food che usa solo prodotti tipici locali e specialità piemontesi, con carni locali (buonissime) di fassone piemontese. La cosa assurda è che il Mac non è una copiatura ma è una parola del vocabolario piemontese ( che vuol dire solamente/solo )
    – DA SOLO = DA SOL (pron: da sul)
    – IL SOLE = EL SOL (pron: al sul)
    – SOLAMENTE/SOLO = MAC ( pron: mac)
    Comunque Mc Donald non mi avrà mai !!!!

    Rispondi

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...