Zopa.it, il social lending sbarca in Italia

Il tempo passa e “web2.0” diventa sempre più sinonimo di disintermediazione. La crescente diffusione del broadband e delle connessioni always on si somma all’esperienza dell’ecommerce e alla nuova interazione sociale basata sui social network: insieme questi fattori forniscono le basi per nuovi e rivoluzionari esperimenti commerciali come quello messo in piedi dai Radiohead, dove l’incertezza dei risultati non scalfisce la genialità dell’iniziativa, o come Zopa.it.

E mentre nel primo caso la disintermediazione investe direttamente gli interessi delle major discografiche, nel secondo abbiamo un servizio di social lending che ambiziosamente si propone come alternativa alle banche e gli istituti di credito.

Una sfida che Zopa (Zone of Possible Agreement) sembra aver già vinto in Gran Bretagna (170mila iscritti) e che ora lancia in Italia con la stessa mission: mettere le persone in contatto affinché possano “prestarsi denaro tra loro, direttamente. Senza nessun intermediario e con interessi più convenienti per tutti.

L’iniziativa ruota intorno a un sito, una community e – udite udite – un corporate blog.

Sarà ora interessante vedere che genere di accoglienza riserva il nostro Paese a iniziative come questa nonché valutare sul campo la loro effettiva profittabilità.

Advertisements

Un pensiero su “Zopa.it, il social lending sbarca in Italia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...