Anche Sony rinuncia ai DRM. A modo suo

Solo pochi giorni fa segnalavo come anche la Warner Music avesse infine deciso di vendere musica online “DRM free”, ovvero priva di quei sistemi anti-copia sviluppati dalle major per contrastare la temuta pirateria online. Era l’ennesimo capitolo di una vera e propria rivoluzione avviata da Steve Jobs assieme alla EMI e che ora, con la “resa” finale di Sony BMG, sembrerebbe aver raggiunto il suo apice: tutti e quattro i colossi dell’industria musicale hanno infatto rinunciato all’uso dei DRM per proteggere la musica in vendita online.

Dico “sembrerebbe” ed in effetti il condizionale è d’obbligo, specie considerando che proprio il colosso nipponico, già tristemente noto per la sua smania di controllo sulle abitudini dei suoi clienti, ne ha escogitato un’altra delle sue: coloro che intendono acquistare online “Sony BMG DRM free music” dovranno infatti passare prima da un negozio “reale” e comprare una plastic card chiamata “Platinum Music Pass”. Il suo costo è di 12,99 dollari e dà diritto al download di un album scaricabile dal sito MusicPass.com.

A questo punto, una simile follia non può che avere un’unica spiegazione: Sony è sì disponibile a darti la sua musica senza protezione anti-pirateria, ma vuole prima guardarti in faccia e capire se può fidarsi di te.

Mi chiedo se non sarebbe stato meglio optare per una videochiamata su Skype.

Via

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...