Addio a Piero Angela

Umberto Eco e Piero Angela

La mia generazione è la prima che ha imparato più parole dalla televisione che dai propri genitori; che – almeno nei primi anni di vita – ha appreso più informazioni dai documentari in tv che dai libri di scuola.

La mia generazione è cresciuta imparando di natura, spazio, energia nucleare, deserti, biologia molecolare (e qualsiasi altra cosa vi possa venire in mente) soprattutto dalla viva voce di Piero Angela, che solo pochi giorni fa festeggiava il suo “personale giubileo” con 70 anni di carriera in Rai (tanti quanti la regina Elisabetta ne ha passati con la corona in testa).

E che oggi ci lascia, a 93 anni, portandosi dietro nel suo ultimo viaggio la mia immensa gratitudine per la conoscenza che ha diffuso, per la classe e umiltà con cui ha fatto informazione di alto livello, e per aver mantenuto vivo il ruolo di servizio pubblico della Rai.

Ho ritrovato in archivio questa foto, dove è fuori fuoco e quasi etereo, impalpabile. È in secondo piano dietro Umberto Eco, altro gigante e primo soggetto di un ritratto scattato al festival della Comunicazione di Camogli del 2015. Insieme, rappresentano due modi diversi e complementari di produrre e diffondere conoscenza che forse non esistono più, ma di cui abbiamo ancora immenso bisogno.

#pieroangela

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...