Diggita.it, il digg che condivide gli “incassi”

Il progetto, così come viene presentato, è interessante. Diggita.it è un “servizio libero di editoria sociale” basato sullo stesso principio di Digg, dove sono gli utenti stessi a segnalare contenuti sotto forma di testo, audio e video e a determinarne la posizione in classifica votando i più interessanti, oppure “affossando” quelli sgraditi. Insomma, l’ennesimo sito di social bookmarking.

Ma con qualcosa in più più:

“Diggita condivide al 50% i proventi pubblicitari con gli utenti attraverso il programma AdSense di Google[…] Una volta inserito un articolo, il 50% delle visualizzazioni pubblicitarie mostreranno messaggi Adsense con il codice dell’autore”.

E’ interessante notare che la sopra citata spiegazione è preceduta dal simbolo del programma Friend$ di Dada senza che questo venga mai citato. Sembrerebbe una scelta ad arte per incuriosire il pubblico: ho scelto di stare al gioco e inviato ai responsabili alcune domande. Vediamo che succede.

Intanto un unico appunto: così com’è la grafica, priva di una testa ben definita e riconoscibile, integra male la pubblicità di Google dando un effetto visivo un po’ caotico. Si può far meglio.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...