Corporate blogging e policy, la lezione di Cisco

cisco patent troll tracker

La storia del Patent Troll Tracker, blog specializzato nello smascherare le aziende che usano il brevetto come vero e proprio strumento di estorsione, non deve passare inosservata.

Particolarmente abile ed agguerrito, il suo editor ha lavorato con successo e nell’anonimato per diverso tempo, finché la sua identità non è stata infine smascherata: il suo nome è Rick Frenkel ed è IP executive di Cisco Systems.

Inutile dire che, a valle della rivelazione, una pioggia di polemiche e qualche causa legale per diffamazione si sono abbattute sia su Frenkel sia su Cisco. E proprio a quest’ultima va riconsociuto il merito di aver agito con saggezza per contenere la crisi:

Invece di mettere la museruola ai suoi dipendenti (come a dir il vero molti altri avrebbero fatto), “The Human Network” ha pensato bene di aggiornare la propria blogging policy e imporre loro il divieto di bloggare nell’anonimato o senza rivelare chiaramente quali sono siano loro rapporti con l’azienda.

Bene, perché è un gesto che costringe i dipendenti/blogger a prendersi la responsabilità di quello che scrivono; perché è un altro passo verso la trasparenza nella comunicazione aziendale; perché nessuno potra più sollevare il dubbio che Frenkel o chi per lui lavorava sì in incognito, ma pur sempre per conto di Cisco. Una freccia in meno all’arco delle male lingue.

Male, perché farlo adesso è un po’ come chiudere il recinto quando i buoi sono già scappati. Ogni azienda che non ostacola o addirittura incoraggia il blogging tra i propri dipendenti dovrebbe invece dotarsi fin da subito di una policy interna espressamente dedicata al corporate blogging. Un documento che tenga conto sia dei blog “personali”, sia di quelli parte di un articolato progetto di nuova comunicazione.

Non un “codice medievale” fatto di divieti e relative pene corporali per i trasgressori, intendiamoci. Piuttosto un vademecum di regole dettate dal buon senso, di consigli, di risorse alla quali fare ricorso in caso di emergenza.

Un documento che deve essere condiviso con i dipendenti e che deve restare aperto ad aggiornamenti e integrazioni generate dall’esperienza sul campo di quegli stessi che vi fanno ricorso (Un wiki sarebbe l’ideale).

E non fatevi troppe illusioni: pensare che siete già a posto perché la gente sul vostro foglio paga ha firmato un NDA già di per sé ricco di regole è, generalmente, sbagliato. Dubito infatti che i vostri contratti standard includano già regole chiare per gestire le nuove istanze della comunicazione 2.0.

Se anche fosse, saremmo comunque di fronte a documenti “chiusi”, quindi incapaci di accogliere il bagaglio di update che il nuovo modo di rapportarsi con l’utente/cliente genera quotidianamente.

Pensateci. Qui come altrove “prevenire è meglio che curare”.

Via

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...