In piedi, entra la corte

Mp3, condivisione dei file (legale e non), peer to peer. E’ dai tempi di Napster che la Recording Industry Association of America (RIAA) promette di reprimere con ogni mezzo il traffico illegale di brani musicali in rete. Ieri, per la prima volta, si è passati dalle parole ai fatti: Jammie Thomas è stata infatti la prima “U.S. resident” (tra i circa 20mila suoi concittadini denunciati) a sedere in tribunale per essere processata. L’accusa è, ovviamente, “copyright infringement”.

Foto: CC michael hoefner

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...